le tecniche che utilizzo

bulino

Il bulino è uno strumento da taglio nato dalle arti orafe, che si usa direttamente sulla lastra; bulini con diverse facce di taglio permettono di incidere segni più o meno profondi e stretti. I materiali che incido a bulino sono il rame, anche quello che lavoro o cesello, i blocchetti di legno di testa, e le matrici plastiche finalizzate alla stampa, a uno o più colori.

acquaforte

Per l’incisione ad acquaforte utilizzo rame, ottone, zinco, alluminio e acciaio; a differenza dell’incisione diretta il vero e proprio lavoro di “scavo” lo faccio chimicamente, con acidi e mordenti. La sperimentazione in questo campo è infinita, tra tempi, reazioni e aggressività diversa delle soluzioni, ma sono fondamentali sempre il disegno, lo studio dei segni e la ricerca degli effetti prodotti anche da altre tecniche derivate, come la ceramolle e il lavis.

xilografia

Realizzo xilografie su legno di filo e compensato, ma anche su materie plastiche e linoleum; gli strumenti che utilizzo, insieme ai bulini, sono i coltellini, gli scalpelli e le sgorbie. Alcuni lavori li faccio a riduzione, modificando la lastra nel mentre che la stampo con diversi colori. 

acquaforte su acciaio
incisione a bulino su legno di testa, matrice di tiglio
bulino su rame
bulino su rame dalla poesia di Christopher Whyte "giungerai sull'orlo della fossa"
acquaforte su zinco
stampa
acquaforte e acquatinta su zinco
acquaforte e ceramolle su ottone
xilografia
acquaforte e bulino su acciaio
xilografia a riduzione, poesia di Taeko Uemura (trad D.Bisutti)

Visita le gallerie